Radar per barche

I 5 migliori radar per barche

Quando si naviga nelle acque, le imbarcazioni stabili e resistenti non sono sufficienti a garantire la sicurezza dei passeggeri a bordo. Inoltre, devono essere dotati di un’attrezzatura piuttosto speciale, il radar per imbarcazioni. Avete appena acquistato una piccola barca per la crociera in famiglia?

Equipaggiarlo con un radar è la migliore alternativa per garantire la sicurezza della famiglia durante le uscite in mare. Prima di installare questo accessorio sulla vostra barca, è fondamentale informarsi su di esso. Per questo, vi invitiamo a scoprire nel presente testo le informazioni necessarie per conoscere il radar per imbarcazioni.

Che cos’è un radar per imbarcazioni?

La parola radar è in realtà un acronimo che significa Radio Detection And Ranging. Questo si traduce in radio detection and ranging. Come suggerisce il nome, questo strumento è un sensore progettato in modo esclusivo per scansionare il fondo e la superficie dell’acqua circostante utilizzando le onde radio.

È in grado di rilevare non solo gli ostacoli fissi, ma anche quelli in movimento, invisibili a occhio nudo in circostanze di navigazione molto pericolose. Ad esempio, il radar rileva le boe o le navi vicine che possono rappresentare un pericolo per l’imbarcazione. Può anche rilevare le persone in acqua che hanno bisogno di aiuto. Oltre a questo, il radar può essere utilizzato anche per controllare il tempo sul mare con informazioni precise. È uno strumento di sicurezza necessario per qualsiasi imbarcazione.

Come scegliere il radar marino per la barca?

Con tanti modelli di radar marini disponibili, spesso è difficile scegliere il migliore. Per essere sicuri di fare la scelta giusta, è necessario conoscere i criteri da considerare. Il primo criterio da verificare per la scelta del vostro radar navale è la potenza di trasmissione di questo. Questo perché è la potenza di trasmissione che consente di conoscere la portata reale del radar quando viene utilizzato in mare. Pertanto, si conosce l’area che lo strumento può coprire. Solitamente stimata in kilowatt, maggiore è la potenza di trasmissione del radar, maggiore è il raggio di scansione. Se il kilowatt del radar è basso, il raggio di copertura è ridotto.

Leggi anche :   Paddle Aquamarina | Selezione dei migliori modelli nel 2022

Ad esempio, i radar da 4 kW hanno una portata di 36 miglia nautiche. Questo purtroppo non è il caso dei radar da 2 kW, che possono coprire solo 24 miglia nautiche. Il radar è sempre attivo finché l’imbarcazione è in mare o in acqua dolce. Indipendentemente dal tipo di acqua in cui si naviga, è estremamente importante considerare il consumo energetico del radar marino. Se si opta per un’apparecchiatura che consuma molta energia, è ovvio che i batteri dell’imbarcazione si esauriranno molto rapidamente. Soprattutto se si sceglie il radar per una piccola imbarcazione.

Pertanto, per scegliere il radar appropriato, è necessario tenere conto della capacità dell ‘imbarcazione e delle sue dimensioni. Il peso di questo strumento non deve essere trascurato al momento della sua acquisizione. In effetti, alcuni modelli di radar sono più adatti alle piccole imbarcazioni che a quelle grandi a causa del loro peso. Quindi, verificate se il suo peso è perfettamente adeguato all’imbarcazione che desiderate equipaggiare. Per le imbarcazioni di piccole dimensioni, si può prendere in considerazione il Rada Marine, che pesa 16 libbre. Dopo il peso, interessiamoci al raggio del vostro futuro radar.

Il fascio è infatti il componente chiave di un radar, poiché garantisce il rilevamento di vari oggetti nelle vicinanze. Il tipo di fascio di cui è dotato un radar influisce realmente sulla risoluzione al momento del rilevamento. Per una buona selezione, è necessario sapere che esistono due tipi di travi. Si tratta delle travi larghe e strette. Il primo tipo di fascio è molto debole in termini di risoluzione. Ciò significa che, anche di fronte a due ostacoli, può fonderli in uno solo. Il rischio di collisione con quest’ultimo è quindi elevato. Il secondo tipo di fascio ha una risoluzione molto elevata e può distinguere due ostacoli in prossimità. Si consiglia di utilizzare un radar a fascio stretto per tutti i tipi di imbarcazioni.

Per un uso duraturo di questo strumento, è necessario che sia impermeabile. Ovvero, deve essere impermeabile. Per essere certi dell’impermeabilità di questo materiale, è necessario che sia classificato almeno IPX6. Sempre parlando dei criteri di scelta diun radar marino, non bisogna mai dimenticare la propria esperienza personale. Se non avete mai usato un radar, potete scegliere un modello economico senza trascurare le sue prestazioni.

Leggi anche :   Restube | Perché acquistare questa innovativa boa di sicurezza?

Nella scelta di un radar, inoltre, bisogna considerare le esigenze di portata. I radar hanno alcune caratteristiche aggiuntive che dovrebbero essere prese in considerazione per una buona selezione. Un esempio è il tracciamento degli obiettivi. Si tratta di un’opzione non inclusa nelle caratteristiche di tutti i modelli di radar. Anzi, è un vero e proprio vantaggio per questo strumento di sicurezza. Può identificare il bersaglio, fornire informazioni precise sulla velocità di avvicinamento del bersaglio.

Tale opzione funziona come un allarme che segnala eventuali pericoli per l’imbarcazione. Con l’opzione di tracciamento del bersaglio, il rischio di trovarsi di fronte a un fuoribordo è completamente ridotto al minimo. Pertanto, per una maggiore sicurezza dell’imbarcazione, si dovrebbero preferire i modelli di radar dotati di questa opzione. Inoltre, assicuratevi che il radar scelto sia compatibile con tutti gli altri sistemi di navigazione dell’imbarcazione.

Come sapete, oltre al radar esistono altri strumenti che garantiscono la sicurezza della navigazione in mare o in acqua dolce. Abbiamo ad esempio il GPS marino e le bussole elettroniche che svolgono ruoli diversi. Infatti, le informazioni del radar possono essere coordinate con quelle degli strumenti già installati nell’imbarcazione. Infine, non dimenticate di considerare il colore e le dimensioni dello schermo di controllo del radar.

Quale radar scegliere per la vostra barca a vela?

Volete dotare la vostra barca a vela di un radar marino? Pur conoscendo i criteri di scelta, avete ancora problemi a scegliere il modello giusto? In questo caso, consigliamo le cupole radar. Questo modello è infatti meno costoso di altri tipi di radar. I modelli a cupola sono anche molto comodi da installare e utilizzare. Hanno prestazioni sufficientemente elevate per le imbarcazioni da diporto del tipo a vela. Si tratta infatti di modelli dotati di display:

  • molto fluido
  • alta qualità
  • senza interferenze.

I radar possono adattarsi automaticamente alle condizioni ambientali. Sono modelli che consumano meno energia. Con questo modello che rileva anche i piccoli ostacoli, la sicurezza sulla vostra imbarcazione da diporto è assicurata.

Come mantenere il radar della barca?

Per far sì che il vostro radar duri a lungo, dovete sottoporlo a una buona manutenzione. Il sale è un elemento che ha un impatto negativo sul radar, indipendentemente dal modello, proprio come le barche. Il più delle volte, all’interno dell’apparecchiatura si trovano dei residui di sale.

Leggi anche :   La top 5 delle migliori kneeboard

È importante liberarsene. Ricordate che i radar hanno dei fori di ventilazione in cui si depositano i residui di sale. Per godere dell’efficienza dell’apparecchiatura, è necessario pulirla dopo ogni utilizzo o ogni stagione. Dopo il maltempo, è necessario pulirlo. La procedura per farlo può sembrare complicata. Innanzitutto, per questa operazione di pulizia, è necessaria una spazzola.

Utilizzarlo per pulire i fori di ventilazione del radar. Dopo la pulizia, è necessario asciugare con cura il radar e non dimenticare di ingrassarlo con il silicone. Il silicone assicura l’assorbimento di tutte le vibrazioni che possono indebolire il radar e garantisce la tenuta di quest’ultimo. Ora guardate il naso del connettore.

Se si nota un’ossidazione della doratura, è più che necessario rimuovere le schede. Subito dopo è necessario lucidare non solo il naso, ma anche la cavità. Assicurarsi che le viti che tengono chiusa la corona del radar non siano troppo strette. Questo può danneggiare la plastica del radar e tagliare i fili, il che non può in alcun modo garantirne la durata.

Qual è il prezzo di un radar marino per barca?

Data l’importanza di un sistema radar marino, è importante considerare il prezzo del sistema, in modo da sapere quanto ci si può permettere. Occorre tenere presente che il costo dell’acquisto di questo sistema di rilevamento delle onde elettromagnetiche non è così elevato come quello della riparazione di un’imbarcazione che ha colpito una scogliera.

Poiché non sono spesso a buon mercato, è ovvio che l’importo dell’acquisto è notevole. Per l’acquisto del radar marino è necessario prevedere almeno 1000 euro. Tuttavia, questo budget può aumentare a seconda della marca dello strumento scelto. Può anche aumentare in virtù delle funzionalità aggiuntive del radar. I modelli di radar più recenti e potenti hanno un prezzo compreso tra 1800 e 2500 euro. Qualunque sia il prezzo, è importante capire che è per la sicurezza dell’equipaggio una volta in mare e per la sicurezza dell’imbarcazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *